SALUTE E BENESSERE

Vene varicose. Scopri i rimedi naturali per la bellezza delle gambe

24 Ago , 2018  

Soluzioni naturali per le vene varicose

Sebbene non siano generalmente pericolose per la vita, le vene varicose possono essere paragonate a una vita difficile: lunga, tortuosa, dolorosa e talvolta brutta.
Le vene varicose sono fondamentalmente delle vene ritorte, allargate con valvole incompetenti e sebbene siano un problema a lungo termine, i sintomi possono andare e venire.

 

SEGNI E SINTOMI COMUNI

Segni e sintomi comuni possono includere palpitazione, dolore, crampi, gonfiore o sensazione di pesantezza generale o irrequietezza nella parte inferiore delle gambe, specialmente dopo una prolungata posizione eretta o seduta. Un altro segno comune è prurito o bruciore intorno alle vene congestionate. Tuttavia, se sono particolarmente fastidiosi, potrebbe essere opportuno controllarli, poiché potrebbero segnalare un rischio di altri disturbi del sistema circolatorio.
Le ulcere cutanee vicino alla caviglia possono rappresentare una forma grave di malattia vascolare che richiede cure mediche immediate.
Le complicanze più comuni delle vene varicose sono l’insufficienza venosa (che può causare trombosi), la flebite, la rottura e le ulcere venose alla stasi. Queste “mappe stradali” blu-viola si verificano più comunemente nelle gambe, nelle caviglie e nei piedi, ma possono anche verificarsi nella vagina durante la gravidanza, o intorno all’ano come emorroidi, o come vene varicose dello scroto (varicocele).

Appaiono blu perché contengono sangue deossigenato, che è in fase di ricircolo. Fondamentalmente si sviluppano quando le vene, appena sotto la superficie della pelle, sono danneggiate: a causa di una debolezza genetica delle pareti delle vene, o di una debolezza ereditaria delle valvole venose, o semplicemente attraverso il processo di invecchiamento e comportamenti legati allo stile di vita.
Stare in piedi non aiuta la situazione, dal momento che il sangue viene naturalmente tirato verso il basso negli arti inferiori, se pur succeda anche da seduti.
Anatomicamente, le vene hanno valvole unidirezionali per assicurare che il sangue continui a muoversi nella giusta direzione e per evitare che fluisca all’indietro. Tuttavia, quando diventano difettose, le vene tendono a riempirsi di troppo sangue e diventano gonfie o congestionate; di conseguenza le gambe possono sentirsi molto pesanti e dolorose. Tuttavia, in alcune persone le vene varicose non producono sintomi.

PERCHÉ SONO PIÙ PREVALENTI NELLE DONNE?

Anche se chiunque può sviluppare vene varicose, le donne sono due o tre volte più inclini a svilupparle rispetto agli uomini, e ci sono diverse ragioni per questo. Ad esempio, le donne sono spesso impegnate in occupazioni che richiedono una posizione prolungata o ininterrotta, come stare sempre in piedi, che possono causare danni alla vene o alle valvole.

La stanchezza peggiora anche le varicose esistenti. Gli ormoni femminili sono ulteriori fattori predisponenti, quindi durante i periodi di flusso ormonale, come le mestruazioni, la gravidanza o la menopausa, possono essere peggiori. Gravidanza e obesità sono probabilmente i colpevoli più a rischio, dal momento che l’aumento della pressione all’interno dell’addome può aumentare o aggravare la suscettibilità verso lo sviluppo di varici. La gravidanza aumenta anche il volume di sangue nel corpo, ma diminuisce il flusso di sangue dalle gambe al bacino. Sia la gravidanza che l’obesità causano cambiamenti nella pressione sanguigna che possono avere effetti negativi sul flusso venoso. Quando il sangue non scorre di nuovo verso il cuore nel modo normale, aumenta la tendenza a farlo affluire nelle vene e con esso il rischio di sviluppare vene varicose.
Farmaci come la pillola anticoncezionale e la terapia ormonale sostitutiva possono anche aumentare il rischio di sviluppare vene varicose, quindi le donne in età fertile, le madri con bambini piccoli e le donne anziane, specialmente quelle con stili di vita sedentari, sono quelle ad alto rischio. Sfortunatamente, le varicosità tendono ad aumentare con l’età, quindi la condizione incarna un elemento di ‘obsolescenza incorporata’.
Dal momento in cui gli umani hanno iniziato a stare in piedi e camminare eretti, la pressione nelle vene della parte inferiore del corpo è naturalmente aumentata come parte della nostra evoluzione.

COSA SI PUÒ FARE?

Trattamento medico convenzionale

Un trattamento medico convenzionale comune per piccole vene varicose e vene varicose è la scleroterapia. Questa procedura comporta l’iniezione di un’alta concentrazione di una soluzione irritante nelle vene. Ciò causa tromboflebite, che incoraggia l’obliterazione della varicosità da trombosi e cicatrici successive, portando infine alla scomparsa della vena. Le vene varicose significative sono spesso dovute al reflusso della grande safena e possono richiedere un trattamento più radicale come la rimozione chirurgica o lo “stripping”, che comporta la rimozione delle vene. Questa procedura comporta il solito rischio generale di anestesia e non ha sempre successo al 100%, poiché i tassi di recidiva sono elevati. Un’altra procedura chirurgica, flebectomia ambulatoriale, rimuove anche le vene attraverso piccole incisioni cutanee, ed è meno invasiva rispetto al classico stripping
Una tecnica medica ancora meno invasiva, con un minor rischio di complicanze, è la terapia laser endovenosa. Questa procedura viene eseguita in anestesia locale e consiste nel posizionare un laser nella vena, sotto guida ecografica, che causa lesioni termiche al rivestimento della vena e consente di farlo collassare e sigillarsi.

ESERCIZI DI AIUTO

A parte semplici esercizi, alzare le gambe, riposare o utilizzare calze di supporto appropriate o calze elastiche specializzate a compressione può essere sufficiente in casi semplici. In circa il 50% dei casi la condizione è familiare, quindi è importante praticare l’assistenza sanitaria preventiva se si esegue in famiglia.

L’attività più importante è l’esercizio fisico regolare ed evita una prolungata pressione sulle vene, in modo tale che il flusso sanguigno non sia ostacolato. È necessario evitare l’elastico stretto, come giarrettiere, calze, mutandine o altri indumenti eccessivamente restrittivi, nonché sedersi con le gambe incrociate o indossare scarpe con i tacchi alti (questo diminuisce l’attività dei muscoli del polpaccio).
La stitichezza contribuisce alle vene varicose, quindi è importante mangiare cibi ricchi di fibre, cereali integrali e molta frutta e verdura fresca per promuovere una buona funzione intestinale. Il fumo è un altro fattore di rischio serio.

TRATTAMENTI DI MEDICINA NATURALE 

I trattamenti di medicina naturale comprendono un attento massaggio, aromaterapia, omeopatia, rimedi erboristici, una dieta sana con supplementi nutrizionali aggiuntivi come i bioflavanoidi e sport, tra cui nuoto e yoga, tra gli altri.

I RIMEDI DI ERBE

Ippocastano (Aesculus hippocastanum) è forse il rimedio erboristico più conosciuto per il trattamento di alcuni dei sintomi dell’insufficienza venosa cronica, comprese le vene varicose. Tuttavia, l’ippocastano dovrebbe essere evitato da chiunque sia affetto da patologie epatiche o renali, inoltre è controindicato anche durante la gravidanza e l’allattamento.
I mirtilli (Vaccinium myrtillus) supportano la normale formazione del tessuto connettivo e rafforzano i capillari nel corpo, e in questo modo aiutano a prevenire le varicosi, mentre il Rusco (Ruscus aculeatus) è un tonico venoso e un agente antinfiammatorio.

Le erbe che rafforzano i vasi sanguigni e migliorano la circolazione periferica comprendono la Centella asiatica, il ginkgo (Ginkgo biloba) e il biancospino (Crataegus laevigata).

I capillari possono beneficiare delle proprietà dell’estratto di foglie di vite rossa standardizzato perché è ricco di polifenoli, tra cui antociani e importanti flavonoidi – quercetina e isoquercitrina – che sono una superba venotonica naturale.

OLI ESSENZIALI

Oli essenziali come il cipresso (Cupressus sempervirens), il limone (Citrus limon) e il geranio (Pelargonium graveolens) sono eccellenti tonici venosi.

Boswellia, Rosa damascena, bacche di ginepro sono oli essenziali che possono essere utilizzati anche in compresse.
Bisogna fare attenzione a non massaggiare pesantemente sotto una vena varicosa, specialmente se c’è una storia di trombosi.

Non esiste una cura semplice per le vene varicose, ma la prevenzione e l’applicazione di trattamenti selfcare sani o la consulenza di specialisti della salute naturale qualificati possono svolgere un ruolo significativo nella gestione della condizione.


Condividi sul tuo social preferito 

, , , , , , , , ,



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *