SALUTE E BENESSERE

Passami il sale. Abitudini e conseguenze

3 Mar , 2019  

Passami il sale e il pepe, per favore! Questa frase, fin troppo familiare, è chiara ad ogni pasto in famiglia. È un’abitudine o è un intorpidimento delle papille gustative che ci spingono a esagerare e abusare del sale? O forse vogliamo negare l’effetto che il sale ha sulla nostra salute?

Inizialmente, il sale era usato come conservante per prolungare la durata di conservazione, ma oggi, principalmente per ragioni di gusto, il suo utilizzo è guidato dalla domanda dei consumatori. Non è quindi l’industria alimentare a dover essere accusata di sovraccarico di sale nei prodotti alimentari trasformati, ma noi, i consumatori! Nelle nostre diete moderne, il rapporto tra sodio e potassio nella dieta è stato grossolanamente distorto dall’assenza di alimenti ad alto contenuto di potassio, dalla rimozione di potassio attraverso la lavorazione e la cottura e dall’abbinamento del cibo con sale e altre sostanze ad alto contenuto di sodio, quindi il rapporto tra il sodio e il potassio sono più importanti delle quantità.

RAPPORTO DI SODIO E POTASSIO

Il rapporto tra sodio e potassio può avere gravi conseguenze sulla salute. Uno squilibrio di sodio e di potassio porta, ad esempio, a una limitata capacità del corpo di utilizzare i micro-nutrienti vitali del cibo. L’equilibrio tra questi due minerali determina la pressione osmotica e la forza ionica di una cellula, e dei fluidi corporei, come il sangue. Inoltre, sodio e potassio, controllano il movimento dell’acqua dentro e fuori dalle cellule e dai tessuti coinvolti nella prevenzione della ritenzione idrica (come il gonfiore delle gambe) e dell’edema. Una carenza di potassio consente a più sodio di entrare nelle cellule. Il sodio supplementare aumenta l’acqua all’interno delle cellule, producendo edema e danni alle cellule.

Che cosa determina quindi il rapporto tra potassio e sodio nel corpo? La nostra dieta!

Le diete primitive dei nostri antenati preistorici consistevano solo di alimenti non trasformati, come semi, frutta, radici (verdure) e carne. Una tale dieta è relativamente povera di sodio e ricca di potassio. Durante l’evoluzione, i reni si sono adattati per espellere attivamente il potassio in eccesso e conservare accuratamente le scorte di sodio.

CAUSE DI BASSI LIVELLI DI POTASSIO

Il sodio è ben mantenuto dal corpo, ma i seguenti fattori riducono i livelli di potassio per un periodo di tempo:

  •  farmaci diuretici
  • consumo di alcool
  • bere il caffè
  • assunzione di zucchero in eccesso
  • lassativi

Abbiamo bisogno di più di potassio nella nostra dieta rispetto al sodio, ma nella nostra moderna dieta occidentale, troppo elaborata, l’assunzione di sodio è alta e il potassio di solito molto basso. 

I cibi ricchi di potassio sono verdure non trasformate, frutta, semi, legumi e cereali integrali. In generale, gli alimenti integrali naturali contengono poco sodio e più potassio. Tuttavia, abbiamo invertito questo equilibrio inerente alla natura aggiungendo sale (sodio) al nostro cibo.

Nell’organismo i livelli di sodio in eccesso sono causati da diversi fattori:

  • Consumo di latte
  • Aggiunta di sale per trasformare il gusto degli alimenti
  • Conservanti, come: lievito in polvere, proteine idrolizzate vegetali o animali (in brodo di carne, paste salate, zuppe in scatola e in bustine e molti prodotti a base di carne).
  • Anche gli integratori alimentari possono contenere sodio, come la vitamina C e il bicarbonato di sodio
  • Mancanza di frutta fresca e cruda, verdure, semi e legumi nella dieta.

L’eccesso di Sale provoca svariati disturbi.

  • tensione pre-mestruale
  • irritabilità
  • mal di testa sopra gli occhi
  • le gambe tendono a gonfiarsi
  • gonfiore generale e gonfiore dell’addome inferiore
  • dolore di muscoli e articolazioni
  • difficoltà a dormire e scarsa concentrazione
  • prurito della pelle
  • perdita di calcio dalle ossa
  • irritabilità e confusione mentale (a causa di effetti sul sistema nervoso)
  • edema (gonfiore di tessuti o organi)
  • debolezza muscolare (soprattutto negli anziani)
  • paralisi dei muscoli dell’intestino tenue
  • disturbo del ritmo cardiaco

Ma come integrare il potassio nella dieta o stile di vita alimentare? Scegliendo, ogni giorno, alcuni cibi ricchi di potassio: L’acqua di cocco, l’avocado, le patate e le banane sono in cima alla lista delle buone fonti di potassio.

Mentre le fonti di sale inorganico (sale da cucina) dovrebbero essere sostituite con fonti di sale organico come: sedano e spezie.

RICETTA SALE DI SEDANO

Il sale di sedano è molto delicato e dona sapore al cibo senza coprire il gusto. Si può realizzare in casa. Per preparare 100 grammi, servono 4 coste di sedano. Prima di tutto bisogna farle essiccare al sole, oppure in forno, oppure con l’essiccatore. Disporre tutto in un robot da cucina e polverizzare le coste. Ricorda che non vanno usate le foglie.

Una dieta equilibrata, non elaborata, a base di integratori alimentari fornirebbe il corretto rapporto tra sodio e potassio per garantire una salute ottimale, senza la necessità di aggiungere sale in nessuna forma. Abbiamo bisogno di più potassio rispetto al sodio nella dieta. Quando cucini, abbassa gradualmente la quantità di sale, così il tuo palato alla fine si abitua a meno. A tempo debito avrai svezzato il gusto per cibi altamente salati. Rendi più creativi i sapori di un pasto utilizzando erbe e spezie, come aglio, zenzero.


Condividi sul tuo social preferito 



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *