SALUTE E BENESSERE

Ippocastano. Per l’insufficienza venosa cronica

16 Mar , 2017  

Il tema sul benessere delle gambe è stato, in parte, affrontato in precedenti articoli, il Rusco per esempio viene indicato per pesantezza e stanchezza delle gambe con associazione a sensazione di tensione, gonfiore e formicolio.

L’ippocastano contiene escina e viene indicato per l’insufficienza venosa cronica e vene varicose. Ha effetti benefici sul tono venoso, il flusso sanguigno e il gonfiore delle gambe. Gli effetti dell’escina sono antinfiammatori, ma soprattutto antiedematosi. Agisce aumentando la permeabilità vascolare e riducendo il gonfiore dovuto alla cattiva circolazione del sangue. Aumenta il tono venoso delle vene principali come la vena saphena e la vena porta. Rinforza i capillari ed ha effetti sul flusso sanguigno, specialmente tra il collo del piede e l’inguine.

Il commercio esistono, oltre ad opercoli o compresse, anche gel e unguenti che riducono gli ematomi, dolore e prurito nel giro di poche ore. Infatti, è visibile agli occhi la diminuzione della circonferenza della gamba o del piede. Questo dimostra che l’estratto dell’ippocastano (escina) possiede un effetto venoprotettivo. Un gel, usato quotidianamente, evita di sentire la stanchezza, la pesantezza e la tensione degli arti inferiori. Applicato mattina e sera, rende le gambe più leggere e libere da ogni sensazione di gonfiore.

Agendo principalmente sulla ritenzione idrica, resta molto efficace anche per la cellulite, emorroidi, trombo flebiti e crampi notturni.

Non è consigliabile l’uso ai bambini o in stato di gravidanza.


La donna, durante la sua normale trasformazione ormonale, risente di questi fastidiosi disturbi. Se anche tu ritieni di vivere questo cambiamento, leggi il mio ebook Destinazione Benessere


Condividi sul tuo social preferito

, , , ,



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *