SALUTE E BENESSERE

BETULLA

2 Nov , 2016  

Appartiene alla famiglia delle Betulaceae. L’altezza dell’albero varia da 5 a 30 metri, è slanciato, eretto e la corteccia è ricoperta da una scorza biancastra, liscia al tatto che in primavera si sfoglia in liste trasversali. I rami pendono per la consistenza esile. I fiori, maschi, hanno tepali molto piccoli, riuniti in amenti penduli lunghi 3-6 cm, mentre i fiori femminili sono più corti.
Le origini appartengono all’Asia centro-settentrionale. In Italia si può trovare sulle Alpi e Appennini, ma anche nelle Marche e nel Salernitano.

Proprietà:

Le componenti principali sono: Glicosidi flavonici, saponine, vitamina C, tannini e olio essenziale.
Curiosità interessante sulla corteccia che va essiccata al sole, mentre le foglie si essiccano all’ombra e si possono conservare in sacchetti di carta o tela. La Betulla si presta all’uso di infusi e tinture di foglie, estratto fluido, decotto di corteccia.
Ha proprietà ipocolesterolemizzanti, diuretiche, depurative e coleretiche.

Uso interno:

Indicata per disturbi dell’apparato urinario, soprattutto nei casi di infiammazione e renella e come coadiuvante nel tratto delle infezioni batteriche del tratto urinario, reumatismi, gotta, litiasi renale, edemi cardiorenali,  ipercolesterolemia, albuminuria, iperazotemia.

Uso esterno:

 Utilizzata per pelli grasse o con applicazioni dopo l’esposizione al sole per il suo effetto cicatrizzante.

Posologia:

Infusione: numero 2-3 foglie essiccate per due tre volte al giorno.

Tintura madre (1:10): 2ml tre volte al giorno.

Succo fresco: 15 ml tre volte al giorno.

Non deve essere utilizzato in gravidanza e allattamento senza prima aver sentito il parere del medico.


La Posologia sul testo Monografia


Condividi sul tuo social preferito 

,



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *